Vai ai Contenuti | 
Home |  Portale del Cittadino |  Albo Pretorio Online

Accesso ai documenti

Il Comune di Gragnano garantisce a tutti i cittadini l'esercizio del diritto di accesso, cioè il diritto di esaminare ed avere copia dei documenti amministrativi dalla stessa creati o detenuti, allo scopo di favorire la partecipazione e di assicurare la trasparenza e l'imparzialità dell'azione amministrativa.

L'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) è, in ogni caso, a disposizione per ulteriori chiarimenti o indicazioni.

Chi può accedere ai documenti amministrativi?

Il diritto di accesso formale può essere esercitato da tutti i soggetti (cittadini, associazioni, imprese,...) che dimostrino di avere un interesse tutelato dall'ordinamento e collegato ai documenti di cui si chiede visione o copia (non sono ammesse, ad esempio, richieste di visione per mera curiosità o per attività illecite).

La presa visione dei documenti è gratuita; il rilascio di copia è invece subordinato al rimborso dei costi di riproduzione sostenuti dall'Amministrazione, pari ad € 0,10 a facciata.

Le modalità per il pagamento degli eventuali costi sono specificate nel provvedimento di accoglimento della richiesta.

Quali documenti si possono esaminare ed avere in copia?

Tutti i documenti amministrativi del Comune sono accessibili, ad eccezione di quelli riservati per espressa indicazione di legge e fatte salve le esigenze di riservatezza di altri soggetti coinvolti nei documenti richiesti.

Come si presenta la domanda di accesso formale?

di persona, presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico,  aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12,30; il lunedì ed il mercoledì dalle 16.00 alle 18.00, dove sarà possibile reperire anche l'apposito modulo.

posta ordinaria, inviando il modulo compilato, scaricabile dal sito servizi.comune.gragnano.na.it ed indirizzato all'Ufficio Relazioni con il Pubblico - Via V. Veneto 15 - Gragnano (NA), che provvederà a trasmetterlo all'ufficio competente.In questo caso, occorre allegare fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità del richiedente e di eventuali deleghe di rappresentanza.

Posta elettronica, inviando il modulo compilato al seguente indirizzo: urp@comune.gragnano.na.it

Nel caso si presenti la domanda di accesso per conto di terzi o in qualità di legale rappresentante, si precisa che le eventuali deleghe di rappresentanza possono essere prodotte anche attraverso una dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell'art. 46 D.P.R. 445/2000 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa).

Nella domanda è necessario indicare tutti i dati del richiedente, come specificato nell'apposito modulo.

Inoltre bisogna indicare i documenti a cui si desidera accedere, in modo che siano chiaramente identificabili.

La richiesta di accesso deve essere sempre motivata.

Occorre infine indicare la propria casella di posta elettronica se si intende ricevere via e-mail i documenti richiesti ed ogni ulteriore comunicazione dell'amministrazione.

Chi decide sulla domanda di accesso e quale può essere l'esito della decisione?

Sulla domanda deciderà il Dirigente o il Responsabile della struttura competente a creare o detenere la documentazione richiesta nella domanda. La domanda di accesso può avere 4 diversi tipi di esito, che devono essere, sempre, comunicati per iscritto al richiedente:

- accoglimento: la domanda viene ritenuta completa e fondata su un interesse tutelato dall'ordinamento e collegato ai documenti di cui si chiede visione o copia; pertanto, tutta la documentazione viene messa a disposizione del richiedente.

- limitazione: la domanda viene ritenuta completa e fondata, tuttavia, per esigenze di riservatezza o per altre ragioni previste dalla legge, può essere messa a disposizione del richiedente solo  una parte della documentazione.

- differimento: la domanda viene ritenuta completa e fondata, tuttavia non può essere accolta immediatamente, ma solo in un secondo momento, indicato dall'Amministrazione.

- rifiuto: la domanda non può essere accolta.

La limitazione, il differimento e il rifiuto devono essere motivati e sono ammessi solo in alcuni casi, stabiliti dall'art. 24 della Legge n. 241/1990.

Cosa fare se la domanda di accesso viene respinta, limitata o differita?

E' possibile presentare ricorso al Difensore Civico per far riesaminare la domanda. Il Difensore Civico si pronuncia entro 30 giorni dalla presentazione del ricorso, scaduti i quali, il ricorso si intende respinto. Se il Difensore Civico ritiene illegittimo l'esito, ne informa il richiedente e lo comunica all'amministrazione. se, entro 30 giorni, l'Amministrazione non modifica l'esito, allora l'accesso viene, comunque, consentito.

Termine di esclusione :

L'Amministrazione decide dopo 30 giorni dalla presentazione della domanda, attastata dal protocollo dell'Ente. Decorso, inutilmente, tale termine, la richiesta deve considerarsi respinta.

Normativa di riferimento

-Legge 241/90 - Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi -

-DPR 184/06 - Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi -

-Regolamento comunale per la disciplina dell'accesso ai documenti amministrativi -

<< scarica il modulo >>